Voi siete qui
Salerno: quattro estorsori in manette. Sono contigui al crimine locale Cronaca 

Salerno: quattro estorsori in manette. Sono contigui al crimine locale

Tutto nasce dalla denuncia di un noto ristoratore di Pellezzano, che ha trovato il coraggio di raccontare ai poliziotti della Squadra Mobile di Salerno quanto era costretto a subire da tempo. Sono gravissime le accuse nei confronti delle quattro persone arrestate stamani dopo indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Salerno: si parla di estorsione e tentata estorsione aggravate dal metodo mafioso. A darne notizia sono poche righe a firma del Procuratore della Repubblica Vicario, Luca Masini. Non si conoscono molti dettagli dell’operazione, coperta dal massimo riserbo. La Squadra Mobile…

Continua
CC trovano orologi e soldi per 200 mila €, riconducibile ad un pregiudicato già in carcere Cronaca 

CC trovano orologi e soldi per 200 mila €, riconducibile ad un pregiudicato già in carcere

I Carabinieri del Nucleo investigativo del Comando Provinciale di Salerno su disposizione della D.D.A hanno eseguito perquisizioni domiciliari nei confronti di altrettanti soggetti collegati al pregiudicato F.P. tratto in arresto in data 15 aprile 2019. Le attività di ricerca hanno permesso di rinvenire orologi di marche prestigiose quali Rolex, Piguet, Montblanc, Bulgari e Audemars per un valore di 87.770€ e una somma in denari di 106.650€. Le indagini avviate dopo l’arresto del F.P. hanno permesso di accertare che il pregiudicato custodisse il denaro e gli oggetti di valore ritrovati presso…

Continua
Turbativa d’asta: perquisizioni a Roccadaspide ed Albanella. In manette candidato sindaco per arma clandestina Cronaca 

Turbativa d’asta: perquisizioni a Roccadaspide ed Albanella. In manette candidato sindaco per arma clandestina

Ancora perquisizioni della Dia, su mandato della direzione distrettuale antimafia, che indaga su presunte collusioni di imprese e amministratori pubblici con settori malavitosi. Il filone di indagine è quello che riguarda anche l’ex sindaco di Agropoli, Franco Alfieri. In manette, oggi, uno dei candidati a sindaco di Albanella. Si aggiunge un’altra tornata di perquisizioni all’inchiesta coordinata dal pm Vincenzo Montemurro della Dda di Salerno: indagine che vede coinvolti l’ex sindaco di Agropoli, Franco Alfieri e l’attuale primo cittadino della città cilentana, Adamo Coppola. Stamani gli uomini della Direzione investigativa antimafia,…

Continua
Agropoli: ecco perché Alfieri e Coppola sono finiti sotto inchiesta Cronaca 

Agropoli: ecco perché Alfieri e Coppola sono finiti sotto inchiesta

Ad insospettire gli inquirenti che indagano su un presunto scambio elettorale politico-mafioso ad Agropoli ci sono alcune intercettazioni. Sotto inchiesta ci sono l’ex sindaco Alfieri e l’attuale primo cittadino Coppola. Franco Alfieri e Adamo Coppola sono coinvolti in un’indagine su un presunto scambio elettorale politico-mafioso relativo alle amministrative del 2017 ad Agropoli. L’inchiesta è scaturita dalle recenti indagini sul clan Marotta, un gruppo familiare di etnia rom molto esteso, sul quale la magistratura ha da tempo concentrato la sua attenzione. D’altronde, lo stesso sindaco di Agropoli, Adamo Coppola, aveva denunciato…

Continua
Perquisizioni a carico di Adamo Coppola e Franco Alfieri, attuale sindaco ex primo cittadino di Agropoli Cronaca 

Perquisizioni a carico di Adamo Coppola e Franco Alfieri, attuale sindaco ex primo cittadino di Agropoli

La DDA approfondisce presunti legami con la famiglia Marotta, già al centro di altre indagini. Le ipotesi di reato su cui starebbe indagando la direzione distrettuale antimafia di Salerno portano allo scambio elettorale politico-mafioso e alla concussione, anch’essa aggravata dal metodo mafioso. Sotto inchiesta ci sarebbero l’attuale sindaco di Agropoli, Adamo Coppola ed il suo predecessore, Franco Alfieri, da tempo consigliere politico in Regione ed in corsa al Comune di Capaccio-Paestum. All’alba uomini della Dia, coordinati dal ten.col. Giulio Pini, hanno iniziato le perquisizioni nelle case e negli uffici professionali…

Continua
Fiamme gialle sequestrano all’imprenditore Barba e alla moglie beni per oltre un milione e mezzo Cronaca 

Fiamme gialle sequestrano all’imprenditore Barba e alla moglie beni per oltre un milione e mezzo

E’ stata la Guardia di Finanza di Salerno a sequestrare beni mobili ed immobili per un milione e mezzo di euro a Ciro Barba, imprenditore, già assessore alla Pubblica Istruzione e ai Servizi Tecnologici al Comune di Nocera Inferiore a cavallo fra gli anni ’80 e ’90. Il provvedimento, emesso dal gip presso il Tribunale di Nocera, scaturisce dalla condanna definitiva per estorsione continuata aggravata da finalità mafiose nonché, in primo grado, per associazione mafiosa, reato poi dichiarato estinto per prescrizione. Figlio di uno storico esponente della camorra dell’Agro Nocerino-Sarnese…

Continua
 Caporalato, Confagricoltura: «Se qualcuno ha sbagliato, è giusto che paghi» Cronaca 

 Caporalato, Confagricoltura: «Se qualcuno ha sbagliato, è giusto che paghi»

Confagricoltura Salerno prende una chiara e netta posizione sulle indagini condotte dalla Direzione distrettuale antimafia insieme al Comando provinciale dei Carabinieri in ordine a fatti gravissimi: associazione per delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù, all’esercizio del caporalato e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Senza contare l’elusione delle norme in materia di regolarizzazione al lavoro di braccianti agricoli. Un’indagine- ricorda Confagricoltura- che vede coinvolte almeno 40 persone, tra imprenditori e professionisti del settore. «Se accertati dalla magistratura, si tratta di reati gravissimi» afferma Antonio Costantino, presidente di Confagricoltura Salerno. «Se qualcuno ha sbagliato…

Continua
Come La Marca e Maiale hanno corrotto il direttore dell’Agenzia delle Entrate. Le pressioni su Campione Cronaca 

Come La Marca e Maiale hanno corrotto il direttore dell’Agenzia delle Entrate. Le pressioni su Campione

Esattamente un anno fa, Gianluca La Marca e Giovanni Maiale provavano a corrompere il custode giudiziario dei lotti di un’azienda bufalina finita all’asta. Volevano prendersela loro, ma di traverso s’era messo Antonio Campione, immobiliarista e persona nota nella Piana, che quei lotti voleva aggiudicarseli. C’è una telefonata che gli inquirenti intercettano alla vigilia dell’asta giudiziaria e che ha più o meno questi toni, rivolti al custode dei beni: «avvocato, domani fatevi finire una febbre. Il vostro onorario lo paghiamo noi». Come sono andate le cose, un anno fa, oggi lo…

Continua
Corruzione: arrestati il direttore di AgEntrate Salerno, un imprenditore caseario e Giovanni Maiale Cronaca 

Corruzione: arrestati il direttore di AgEntrate Salerno, un imprenditore caseario e Giovanni Maiale

Emilio Vastarella, il direttore provinciale dell’Agenzia delle Entrate finito ai domiciliari, avrebbe accettato da Gianluca La Marca del caseificio Tre Torri di Eboli un bracciale in oro e diamanti ed un orologio . Il tutto in cambio di un extrasconto su una sanzione pari a 60mila euro. E’ l’episodio di corruzione più clamoroso documentato da Carabinieri e Guardia di Finanza durante le indagini coordinante dalla Direzione Distrettuale Antimafia. Coinvolto anche l’ex capoclan Giovanni Maiale, pure lui raggiunto da un’ordinanza di custodia in carcere. Il bracciale, corpo del reato, è stato…

Continua
Carabinieri e Guardia di Finanza arrestano tre persone: indagini della DDA di Salerno Cronaca 

Carabinieri e Guardia di Finanza arrestano tre persone: indagini della DDA di Salerno

La Guardia  di Finanza e  i  Carabinieri  di Salerno,  su  disposizione  della  Direzione  Distrettuale Antimafia di Salerno, stanno eseguendo tre ordinanze di custodia cautelare personale emesse dal GIP  del  Tribunale  di  Salerno,  nei  confronti  di  un  noto  imprenditore  del  settore  caseario,  di  un  ex collaboratore di giustizia già affiliato alla camorra e di un pubblico funzionario, per i reati di corruzione e  istigazione  aggravata alla  corruzione,  detenzione  e  porto  illegale  di  armi  da  sparo  clandestine, ricettazione e turbata libertà degli incanti aggravata dal metodo mafioso. Ulteriori dettagli saranno forniti nella conferenza stampa…

Continua