Voi siete qui
Sala Consilina: Carabinieri scoprono discarica di materiali potenzialmente tossici Cronaca 

Sala Consilina: Carabinieri scoprono discarica di materiali potenzialmente tossici

A Sala Consilina i Carabinieri diretti dal Capitano Acquaviva hanno sequestrato un’area di circa 8 chilometri quadrati adibita a discarica abusiva di carcasse di autoveicoli e di rifiuti speciali, anche pericolosi, denunciando una persona, proprietaria del suolo. I militari hanno accertato anche la presenza di due container ricolmi di rifiuti speciali, tra i quali pezzi di carrozzeria, pneumatici, oli minerali, materiale plastico e ferroso arrugginito, tossico in caso di contaminazioni della falda acquifera.

Continua
Rifiuti, parcheggiatori abusivi e randagismo: settimana di duro lavoro per la Polizia Municipale Cronaca 

Rifiuti, parcheggiatori abusivi e randagismo: settimana di duro lavoro per la Polizia Municipale

Nell’ultima settimana, il Nucleo Operativo del Comando di Polizia Municipale di Salerno ha elevato 7 verbali a cittadini residenti e non per abbandono incontrollato di rifiuti sul suolo pubblico. In seguito alla visione dei filmati delle telecamere di videosorveglianza, sono stati individuati i responsabili degli abbandoni, che sono stati sanzionati con un verbale di 500 euro. In via Cupa Parisi, inoltre, è stato segnalato l’abbandono incontrollato di rifiuti di vario genere sul suolo pubblico, per cui è stato effettuato un sopralluogo sul posto e dall’ispezione dei rifiuti è stato possibile…

Continua
Scoperta a Buccino una discarica abusiva di rifiuti cimiteriali Cronaca 

Scoperta a Buccino una discarica abusiva di rifiuti cimiteriali

I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Buccino hanno scoperto nel cimitero del Comune di Buccino un ingente quantitativo di rifiuti depositati sul suolo, costituiti da lastre in marmo, alcune con applicazione in metallo riportante i dati anagrafici dei defunti, pezzi di calcestruzzo, calcinacci, mattonaci destinati alla chiusura delle tombe, laterizi, ferro, ornamenti in bronzo e plastica. L’area di circa 45 mq è stata sequestrata mentre il responsabile è stato deferito alla autorità giudiziaria

Continua