Voi siete qui
Invitata via Facebook ad una finta festa ad Angri, 14enne racconta di essere stata violentata. Indaga la polizia Cronaca 

Invitata via Facebook ad una finta festa ad Angri, 14enne racconta di essere stata violentata. Indaga la polizia

L’invito ingannevole ad una festa, attraverso una conversazione in chat su Facebook. Una 14enne caduta nel tranello dell’orco, che avrebbe poi abusato di lei. E poi la corsa nella notte di ieri all’ospedale San Leonardo, insieme alla madre. «Mi hanno violentata» ha affermato una ragazzina di 14 anni, sotto choc al pronto soccorso dell’ospedale stabiese. Un impeto di lacrime e sgomento, prima di lasciarsi andare al racconto. La ragazza, originaria di Sant’Antonio Abate, è stata sottoposta all’iter sanitario che ha accertato la presenza di tracce di violenza. Ad ingannarla, secondo…

Continua
Migranti; De Luca su Fb: “Italia non può farsi carico da sola del problema. Forze politiche, a cominciare dal Pd, guardano solo ad un lato del problema” Cronaca 

Migranti; De Luca su Fb: “Italia non può farsi carico da sola del problema. Forze politiche, a cominciare dal Pd, guardano solo ad un lato del problema”

“Il problema migranti ha due facce: quella irrinunciabile dell’umanità e dell’accoglienza, e quella della tutela della sicurezza per i nostri concittadini. Facciamo fatica a trovare un equilibrio tra questi due problemi che sono ugualmente essenziali”. Lo scrive sulla propria pagina Facebook il governatore della Campania Vincenzo De Luca. “Non si può girare la testa dall’altra parte quando arrivano centinaia di bambini abbandonati. Si può immaginare di lasciarli al loro destino? Io non me la sento. Quando arrivano donne incinte che si fa? È chiaro che bisogna trovare una soluzione umana. È altrettanto evidente…

Continua
Eboli: ragazzino discriminato perché si sente donna. Mobilitazione generale Cronaca 

Eboli: ragazzino discriminato perché si sente donna. Mobilitazione generale

Quattordici anni, ma un’idea già molto chiara su chi essere. Umberto è un adolescente che ha fatto una scelta: si sente donna e da tale si comporta, si veste, accettato e seguito in famiglia e dagli amici più cari. Vive ad Eboli e non rientra nel cliché del ragazzino tormentato e problematico, magari isolato dai compagni o osteggiato dalla famiglia. Eppure, anche questo quattordicenne è entrato in crisi, dopo i commenti postati sui social riguardo una festa spensierata: commenti che hanno apostrofato Umberto con frasi gravi e tali da spingerlo…

Continua