Voi siete qui
Evasione fiscale e riciclaggio: sequestri di beni a Perdifumo ed Agropoli Cronaca 

Evasione fiscale e riciclaggio: sequestri di beni a Perdifumo ed Agropoli

Le indagini delle fiamme gialle di Agropoli e della Procura di Vallo della Lucania hanno scoperto il meccanismo attraverso il quale padre e figlio titolari di due imprese di Perdifumo impegnate nel settore plastico e degli imballaggi avevano evaso l’Iva e riciclato i soldi non versati all’erario. Oggi i finanzieri hanno eseguito un sequestro preventivo di beni per 260 mila euro, ovvero l’ammontare del denaro che il padre dell’imprenditore indagato aveva girato al figlio sui suoi conti correnti prima di morire. Soldi frutto di una sistematica evasione dell’Iva. Si tratta,…

Continua
Sentenze pilotate alla commissione tributaria regionale: Naimoli racconta tutto Cronaca 

Sentenze pilotate alla commissione tributaria regionale: Naimoli racconta tutto

«Quanto emerso è solo la punta dell’icerberg», scrive il gip nell’ordinanza che ha portato in carcere 14 persone per le sentenze pilotate della commissione tributaria regionale. E nuovi scenari potrebbero aprirsi con le dichiarazioni rese da uno degli arrestati. Se finanzieri e magistratura non fossero intervenuti subito, forse ci sarebbero state altre decisioni truccate ed altre mazzette. Ma a parlare- raccontando a lungo come funzionava il sistema delle sentenze pilotate alla commissione tributaria regionale- è stato Giuseppe Naimoli; uno dei due dipendenti arrestati insieme ad altre dodici persone per corruzione…

Continua
Evasione fiscale da 350mila euro: GdF sequestra beni ad imprenditore vallese Cronaca 

Evasione fiscale da 350mila euro: GdF sequestra beni ad imprenditore vallese

A chiedere il sequestro nei confronti di un noto imprenditore cilentano è stata la Procura di Vallo della Lucania. Ad eseguirlo, invece, i Finanzieri del Comando provinciale di Salerno, che sono riusciti a recuperare beni e disponibilità finanziarie per 345 mila euro, a fronte di un’evasione di poco superiore. Il titolare di una ditta individuale impegnata nella silvicoltura è finito sotto indagine per dichiarazione infedele ed occultamento o distruzione di documenti contabili. Le fiamme gialle vallesi hanno cominciato dal rinvenimento di documentazione extracontabile nel corso di un’ispezione nei locali aziendali,…

Continua
Nomine all’Asl Salerno: per la Corte dei Conti c’è un danno erariale per quasi due milioni Cronaca 

Nomine all’Asl Salerno: per la Corte dei Conti c’è un danno erariale per quasi due milioni

Il Procuratore regionale della Corte dei Conti, Michele Oricchio, firma una di quelle note destinate a scatenare un terremoto politico. Gli accertamenti contabili e le indagini della Guardia di Finanza avrebbero riscontrato irregolarità nell’assegnazione di incarichi apicali, ovvero al vertice, dell’Asl di Salerno. Nomine fatte con selezioni interne e senza avvisi ad evidenza pubblica. Una mannaia che potrebbe abbattersi sugli assetti tecnici ma anche sul backstage politico della gestione dell’Asl degli ultimi anni. Per Guardia di Finanza e Corte dei Conti le procedure per affidare gli incarichi sono avvenute seguendo…

Continua
Le indagini che hanno portato al sequestro di beni di Ciro Barba e di sua moglie mettono a fuoco i vasti interessi dell’imprenditore nocerino Cronaca 

Le indagini che hanno portato al sequestro di beni di Ciro Barba e di sua moglie mettono a fuoco i vasti interessi dell’imprenditore nocerino

Molti dei prestanome scelti da Ciro Barba per le società a lui riconducibili neanche sapevano di essere intestatari di quote. Né che dovessero occuparsi- sulla carta- di costruzioni o agroalimentare. In tanti casi, anzi, le persone scelte non avevano alcuna esperienza in quei settori. Secondo la Procura di Nocera e la Guardia di Finanza, Barba aveva studiato un meccanismo per evitare di incorrere nelle interdittive antimafia. Condannato per associazione camorristica e poi riabilitarlo, pagava dazio per essere figlio di Giuseppe Barba, detto ‘o flaviano, esponente della Nco. Assessore al Comune…

Continua
Frode fiscale nei carburanti: cinque arresti e sequestri per 48 milioni Cronaca 

Frode fiscale nei carburanti: cinque arresti e sequestri per 48 milioni

Tutto è cominciato dai controlli fatti dalla Guardia di Finanza di Scafati su due società: la Carpas e la Strinoil, con sedi nell’agro nocerino sarnese. Ma c’è voluto poco alle fiamme gialle per capire che dietro i prezzi stracciati di decine di pompe bianche nel salernitano, in Campania ed in altre parti d’Italia, c’era una sistematica e colossale evasione dell’Iva. Il meccanismo era ben collaudato: per non versare l’imposta, gli ideatori della frode avevano pensato a 14 società cartiere, interposte l’una con l’altra mediante accoli del debito che passavano di…

Continua
Guardia di finanza scopre evasione da 230mila euro ad Agropoli Cronaca 

Guardia di finanza scopre evasione da 230mila euro ad Agropoli

Un’evasione fiscale da oltre 230mila euro è stata scoperta dalla Guardia di Finanza ad Agropoli. Nella rete è finito un imprenditore che guida una società per la posa della fibra ottica. Eseguito anche un sequestro preventivo per 52mila euro, su disposizione della Procura di Vallo della Lucania. Le indagini scaturiscono da accertamenti fiscali delle fiamme gialle che hanno segnalato all’Agenzia delle Entrate un imponibile sottratto a tassazione per almeno 234mila euro, per un’imposta evasa pari a 52mila euro. Dall’analisi di contabilità e dichiarazione dei redditi, sono emersi costi per noleggio…

Continua
Frode carosello nell’agro: dalle intercettazioni la verità sulle fatture false e l’Iva evasa Cronaca 

Frode carosello nell’agro: dalle intercettazioni la verità sulle fatture false e l’Iva evasa

E’ stato grazie agli appostamenti, ai pedinamenti che si è riusciti a ricostruire la rete di prestanome e dei loro capintesta che si celava dietro le società cartiere pensate per la frode carosello scoperta dalla Guardia di Finanza e dalla Procura di Nocera Inferiore. Decisive anche le intercettazioni telefoniche, che hanno messo gli inquirenti sulla strada giusta per recuperare all’erario almeno un milione e 600mila euro di Iva evasa. Alla base del meccanismo, le classiche fatture false per operazioni inesistenti, a giustificare il transito di cifre cospicue sui conti intestati…

Continua
Riciclaggio ad Agropoli: sequestrata una villa del valore di 300mila euro Cronaca 

Riciclaggio ad Agropoli: sequestrata una villa del valore di 300mila euro

Una villa del valore di circa 300mila euro è stata sequestrata dalla Guardia di Finanza ad Agropoli. Al termine di indagini coordinate dalla Procura di Vallo della Lucania, le fiamme gialle hanno scoperto una frode fiscale architettata da un napoletano già noto alla giustizia. La villa panoramica ad Agropoli era stata comprata con il denaro frutto di un giro di fatture false per compensi fittizi, e trasferito su conti correnti dell’amministratore occulto della società. La compagna dell’uomo, una agropolese con precedenti penali, aveva ricevuto numerosi bonifici su una carta prepagata…

Continua
Finanza scopre evasione fiscale da tre milioni a Cicerale Cronaca 

Finanza scopre evasione fiscale da tre milioni a Cicerale

La Guardia di Finanza di Salerno scopre un’evasione fiscale da circa 3 milioni. La Procura del Tribunale di Vallo della Lucania ha disposto il sequestro di 530mila euro nei confronti di un imprenditore di Giungano. Titolare di una società del settore carni con sede a Cicerale, avrebbe sottratto a tassazione almeno tre milioni, secondo quanto appurato dai finanzieri di Agropoli. Durante la verifica fiscale è anche emerso che il rappresentante legale dell’azienda era un mero prestanome, fra l’altro senza fissa dimora. La società, oltre ad evadere il fisco, riusciva a…

Continua