Voi siete qui
Lavoratori in nero e ristoranti “camuffati” da associazione: blitz della Finanza nella piana del Sele Cronaca 

Lavoratori in nero e ristoranti “camuffati” da associazione: blitz della Finanza nella piana del Sele

La campagna estiva della Guardia di Finanza batte a tappeto la Piana del Sele e la Costiera cilentana. E’ così che i militari della Compagnia di Agropoli hanno individuato, a Capaccio Paestum, due strutture formalmente intestate ad associazioni culturali e ricreative senza scopo di lucro, ma di fatto dei veri e propri ristoranti. Le Fiamme Gialle hanno accertato che gli avventori non erano soci, bensì normali clienti. In un caso, il titolare aveva addirittura pubblicizzato la propria attività sui social network, peraltro ricevendo tantissime recensioni positive sia per la location sia per i piatti…

Continua
Pontecagnano: Gdf ricorda sacrificio finanziere Zoccola, morto nel 2000 Cronaca 

Pontecagnano: Gdf ricorda sacrificio finanziere Zoccola, morto nel 2000

Il Comune di Pontecagnano ed il Comando provinciale di Salerno della Guardia di Finanza ricordano il sacrificio del finanziere Daniele Zoccola, morto 19 anni fa al largo delle coste pugliesi. Dopo la celebrazione liturgica, il Sindaco Giuseppe Lanzara ed il Generale Virgilio Pomponi, Comandante Regionale della Guardia di Finanza, hanno deposto  una  corona  d’alloro,  davanti  al  monumento inaugurato  nel  2005,  alla  presenza dell’allora Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi. Nella notte del 24 luglio 2000 il Finanziere Daniele Zoccola, insieme ad altri 3 colleghi, si trovava a bordo di un’unità…

Continua
Bancarotta e riciclaggio: Finanza sequestra azienda a Castel San Giorgio Cronaca 

Bancarotta e riciclaggio: Finanza sequestra azienda a Castel San Giorgio

Le indagini dei Finanzieri del Comando Provinciale di Salerno e della Procura di Nocera Inferiore hanno fatto da prologo al sequestro preventivo di un complesso aziendale e di quote societarie nei confronti di 6 persone che sarebbero responsabili di bancarotta fraudolenta e riciclaggio. L’inchiesta riguarda una nota azienda di Castel San Giorgio, che opera nel settore manifatturiero e produce involucri di latta utilizzati dalle industrie conserviere. L’azienda è stata dichiarata fallita nel gennaio 2017. Gli amministratori dell’impresa ne avrebbero distratto i beni, determinando il dissesto economico e pregiudicando gli interessi…

Continua
GdF: bilancio di un anno di attività a contrasto di evasione e riciclaggio Cronaca 

GdF: bilancio di un anno di attività a contrasto di evasione e riciclaggio

La capacità della Guardia di Finanza di agire in modo trasversale, scovando frodi fiscali ed il riciclaggio dei capitali, è l’unico mezzo per garantire i contribuenti onesti dalla concorrenza sleale e da un mercato alterato dai comportamenti scorretti. Il gen. Danilo Petrucelli, celebrando a Salerno il 245° anniversario della nascita delle fiamme gialle, più che di numeri parla della missione a tutela delle casse dell’erario, di chi paga le tasse e mette in guardia gli stessi cittadini: se nella veste di clienti notano prezzi troppo bassi, agevolazioni eccessive su prodotti…

Continua
Dichiarazione Isee alterata: Finanza scova 83 “furbetti” delle tasse universitarie Cronaca 

Dichiarazione Isee alterata: Finanza scova 83 “furbetti” delle tasse universitarie

Per pagare meno tasse o non pagare niente, una ottantina di studenti universitari salernitani dichiarava di versare in situazioni di difficoltà economiche o, comunque, di rientrare nelle fasce reddituali  utili  per  l’ottenimento  del contributo richiesto. I controlli delle Fiamme Gialle, previsti   dai   Protocolli   stipulati   con   gli   Atenei   campani, hanno appurato che molte dichiarazioni ISEE erano alterate. Talvolta gli studenti omettevano di indicare redditi o patrimoni per accedere alle agevolazioni: in qualche caso, addirittura, il risparmio  indebitamente ottenuto sulle tasse universitarie ha superato i 1.000 euro annuali. I controlli hanno riguardato…

Continua
Evasione fiscale e riciclaggio: sequestri di beni a Perdifumo ed Agropoli Cronaca 

Evasione fiscale e riciclaggio: sequestri di beni a Perdifumo ed Agropoli

Le indagini delle fiamme gialle di Agropoli e della Procura di Vallo della Lucania hanno scoperto il meccanismo attraverso il quale padre e figlio titolari di due imprese di Perdifumo impegnate nel settore plastico e degli imballaggi avevano evaso l’Iva e riciclato i soldi non versati all’erario. Oggi i finanzieri hanno eseguito un sequestro preventivo di beni per 260 mila euro, ovvero l’ammontare del denaro che il padre dell’imprenditore indagato aveva girato al figlio sui suoi conti correnti prima di morire. Soldi frutto di una sistematica evasione dell’Iva. Si tratta,…

Continua
Sentenze pilotate alla commissione tributaria regionale: Naimoli racconta tutto Cronaca 

Sentenze pilotate alla commissione tributaria regionale: Naimoli racconta tutto

«Quanto emerso è solo la punta dell’icerberg», scrive il gip nell’ordinanza che ha portato in carcere 14 persone per le sentenze pilotate della commissione tributaria regionale. E nuovi scenari potrebbero aprirsi con le dichiarazioni rese da uno degli arrestati. Se finanzieri e magistratura non fossero intervenuti subito, forse ci sarebbero state altre decisioni truccate ed altre mazzette. Ma a parlare- raccontando a lungo come funzionava il sistema delle sentenze pilotate alla commissione tributaria regionale- è stato Giuseppe Naimoli; uno dei due dipendenti arrestati insieme ad altre dodici persone per corruzione…

Continua
Evasione fiscale da 350mila euro: GdF sequestra beni ad imprenditore vallese Cronaca 

Evasione fiscale da 350mila euro: GdF sequestra beni ad imprenditore vallese

A chiedere il sequestro nei confronti di un noto imprenditore cilentano è stata la Procura di Vallo della Lucania. Ad eseguirlo, invece, i Finanzieri del Comando provinciale di Salerno, che sono riusciti a recuperare beni e disponibilità finanziarie per 345 mila euro, a fronte di un’evasione di poco superiore. Il titolare di una ditta individuale impegnata nella silvicoltura è finito sotto indagine per dichiarazione infedele ed occultamento o distruzione di documenti contabili. Le fiamme gialle vallesi hanno cominciato dal rinvenimento di documentazione extracontabile nel corso di un’ispezione nei locali aziendali,…

Continua
Nomine all’Asl Salerno: per la Corte dei Conti c’è un danno erariale per quasi due milioni Cronaca 

Nomine all’Asl Salerno: per la Corte dei Conti c’è un danno erariale per quasi due milioni

Il Procuratore regionale della Corte dei Conti, Michele Oricchio, firma una di quelle note destinate a scatenare un terremoto politico. Gli accertamenti contabili e le indagini della Guardia di Finanza avrebbero riscontrato irregolarità nell’assegnazione di incarichi apicali, ovvero al vertice, dell’Asl di Salerno. Nomine fatte con selezioni interne e senza avvisi ad evidenza pubblica. Una mannaia che potrebbe abbattersi sugli assetti tecnici ma anche sul backstage politico della gestione dell’Asl degli ultimi anni. Per Guardia di Finanza e Corte dei Conti le procedure per affidare gli incarichi sono avvenute seguendo…

Continua
Le indagini che hanno portato al sequestro di beni di Ciro Barba e di sua moglie mettono a fuoco i vasti interessi dell’imprenditore nocerino Cronaca 

Le indagini che hanno portato al sequestro di beni di Ciro Barba e di sua moglie mettono a fuoco i vasti interessi dell’imprenditore nocerino

Molti dei prestanome scelti da Ciro Barba per le società a lui riconducibili neanche sapevano di essere intestatari di quote. Né che dovessero occuparsi- sulla carta- di costruzioni o agroalimentare. In tanti casi, anzi, le persone scelte non avevano alcuna esperienza in quei settori. Secondo la Procura di Nocera e la Guardia di Finanza, Barba aveva studiato un meccanismo per evitare di incorrere nelle interdittive antimafia. Condannato per associazione camorristica e poi riabilitarlo, pagava dazio per essere figlio di Giuseppe Barba, detto ‘o flaviano, esponente della Nco. Assessore al Comune…

Continua