Voi siete qui
La Polizia arresta a Salerno una coppia di coniugi che teneva in casa cocaina e marijuana Cronaca 

La Polizia arresta a Salerno una coppia di coniugi che teneva in casa cocaina e marijuana

Agenti della squadra mobile hanno perquisito l’abitazione di due coniugi, trovando mezzo chilo di cocaina e pochi grammi di marijuana, accuratamente nascosti in diversi involucri, oltreché 1.700 euro in banconote di vario taglio. I coniugi, poco più che ventenni ed entrambi incensurati, sono stati messi agli arresti domiciliari.

Continua
Polizia chiude alcova in centro a Salerno: un denunciato per sfruttamento prostituzione Cronaca 

Polizia chiude alcova in centro a Salerno: un denunciato per sfruttamento prostituzione

Nella serata di ieri, agenti della Squadra Mobile della Questura di Salerno hanno deferito all’Autorità Giudiziaria per sfruttamento della prostituzione un salernitano di 45 anni, che aveva organizzato un vero e proprio business del sesso. Dopo diversi appostamenti, è stato individuato un appartamento in centro a Salerno, adibito a casa di appuntamento con ragazze provenienti dall’est europeo. L’appartamento era dotato dei più sofisticati sistemi di sicurezza, per consentire ai clienti di essere identificati a mezzo video citofono e grazie ad un codice di accesso permetteva loro di raggiungere la casa…

Continua
Omicidio D’Onofrio, arrestato anche il fratello di Siniscalchi Cronaca 

Omicidio D’Onofrio, arrestato anche il fratello di Siniscalchi

D’Onofrio non ebbe nemmeno il tempo di togliersi il casco, freddato vicino al suo motorino da tre colpi di pistola. A sparargli fu Eugenio Siniscalchi, per questo arrestato il 29 luglio scorso dalla Squadra Mobile di Salerno. Con lui, a bordo dello stesso scooter, c’era il fratello, all’epoca dei fatti minorenne. Ieri, dopo due anni di indagini della Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori, Gennaro Siniscalchi è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia a Foggia, dove era ospitato presso una comunità. Oggi diciannovenne, è stato incastrato dall’analisi dei…

Continua
Operazione Quick Deliveries, Castello: «riforniti a casa anche clienti ai domiciliari» Cronaca 

Operazione Quick Deliveries, Castello: «riforniti a casa anche clienti ai domiciliari»

C’erano finanche persone ristrette ai domiciliari, tra i clienti dei due gruppi criminali sgominati oggi dalla DDA e dalla Squadra Mobile di Salerno. Il vicequestore Marcello Castello, dirigente della Mobile, elogia il lavoro della sezione Falchi e mette in luce alcuni aspetti molti singolari dell’indagine. (intervista al LiraTg)

Continua
Aveva con sè droga ed una pistola: Squadra Mobile arresta Vincenzo Ventura Cronaca 

Aveva con sè droga ed una pistola: Squadra Mobile arresta Vincenzo Ventura

Nella serata di ieri la Squadra Mobile ha arrestato Vincenzo Ventura per spaccio di sostanza stupefacente e detenzione di arma da sparo clandestina. I poliziotti, dopo averlo notato a bordo di uno scooter, hanno deciso di controllarlo ma il ragazzo ha provato la fuga. Ventura è il nipote di Ciro D’Onofrio, ucciso due anni fa a Pastena da Eugenio Siniscalchi, ed è stato recentemente gambizzato – in circostanze tuttora oggetto di indagine – in Via Capone a Salerno. Ieri sera, alla vista degli agenti, è scappato ma l’inseguimento che ne…

Continua
Salerno: quattro estorsori in manette. Sono contigui al crimine locale Cronaca 

Salerno: quattro estorsori in manette. Sono contigui al crimine locale

Tutto nasce dalla denuncia di un noto ristoratore di Pellezzano, che ha trovato il coraggio di raccontare ai poliziotti della Squadra Mobile di Salerno quanto era costretto a subire da tempo. Sono gravissime le accuse nei confronti delle quattro persone arrestate stamani dopo indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Salerno: si parla di estorsione e tentata estorsione aggravate dal metodo mafioso. A darne notizia sono poche righe a firma del Procuratore della Repubblica Vicario, Luca Masini. Non si conoscono molti dettagli dell’operazione, coperta dal massimo riserbo. La Squadra Mobile…

Continua
Omicidio D’Onofrio, il mistero degli spari (presunti) contro l’auto dei Siniscalchi Cronaca 

Omicidio D’Onofrio, il mistero degli spari (presunti) contro l’auto dei Siniscalchi

Eugenio Siniscalchi si è detto innocente, ma ha rifiutato di sottoporsi ad interrogatorio davanti al gip Marilena Albarano. D’altronde, la Procura e la Squadra Mobile di Salerno ritengono di avere elementi schiaccianti a suo carico ma anche sul fratello Gennaro, all’epoca dell’omicidio D’Onofrio ancora minorenne. Ad incastrali, com’è noto, non solo le riprese di alcuni sistemi di videosorveglianza ma pure le celle telefoniche agganciate dai loro cellulari da San Mango e Salerno e ritorno, che coincidono con la presenza vicino al telefonino della vittima. Ciro D’Onofrio era finito nel mirino…

Continua
Chiede mille euro per accelerare pratica di pensione: arrestato funzionario dell’Usr di Salerno Cronaca 

Chiede mille euro per accelerare pratica di pensione: arrestato funzionario dell’Usr di Salerno

Preso con le mani nel sacco, anzi nel cassetto della scrivania dove aveva appena riposto la mazzetta da mille euro chiesta ad una maestra prossima alla pensione. E’ così che è stato arrestato un funzionario in servizio a Salerno presso l’ufficio scolastico regionale. Tutto è nato dalla denuncia fatta alla Polizia da un’insegnante di scuola materna del salernitano. Secondo il suo racconto, il funzionario del Provveditorato le aveva chiesto mille euro in contanti per accelerare e definire la pratica pensionistica in maniera certa. L’uomo, che ha 57 anni, era infatti…

Continua
Sono a buon punto le indagini sulla tentata rapina in Via Eugenio Caterina a Salerno Cronaca 

Sono a buon punto le indagini sulla tentata rapina in Via Eugenio Caterina a Salerno

Potrebbe essere proprio quella pistola giocattolo modificata l’elemento chiave capace di dare una svolta alle indagini sulla tentata rapina di Via Eugenio Caterina a Salerno. Su quell’arma finta ma in grado comunque di offendere i poliziotti della scientifica avrebbero repertato tracce importanti. Gli approfondimenti della Squadra Mobile, diretta dal vicequestore Castello, si basano anche sulle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza presenti in zona. Gli investigatori sono molto abbottonati, ma tra elementi raccolti sul posto e testimonianze credibili è possibile che i rapinatori abbiano le ore contate. Decisiva è stata…

Continua
Salerno: preso l’autore della rapina in gioielleria del 1 marzo scorso Cronaca 

Salerno: preso l’autore della rapina in gioielleria del 1 marzo scorso

Mancava all’appello l’autore della rapina avvenuta la sera del 1 marzo scorso in pieno centro a Salerno, ai danni di una gioielleria. Aveva le ore contante, incastrato dalle immagini di videosorveglianza e dalle indagini che hanno creato pressione. Così la Squadra Mobile di Salerno ha potuto ammanettare e condurre ai domiciliari un ragazzo di 27 anni, già noto alla giustizia, con l’accusa di rapina aggravata. L’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal gip del Tribunale di Salerno, su richiesta dalla Procura della Repubblica.

Continua