Voi siete qui
Oggi in carcere gli interrogatori di garanzia delle persone arrestate per il traffico di droga tra la Campania e la Calabria Cronaca 

Oggi in carcere gli interrogatori di garanzia delle persone arrestate per il traffico di droga tra la Campania e la Calabria

Le vie della droga si spostarono da Bovalino, in Calabria, a Torre Annunziata e Montecorvino Rovella, quando Luigi Del Giorno da Campagna ruppe l’accordo con Francesco Giorgi, dell’omonima cosca calabrese. I Giorgi, parte integrante della ‘ndrina degli Stacchi, reclamavano il debito da 30mila euro per forniture di droga che Del Giorno non aveva mai saldato. A quel punto, il patto siglato nel carcere di Sulmona tra i due capiclan saltò del tutto, mandando a monte anche il traffico di cocaina, hashish e marijuana tra San Luca, Bovalino, Campagna ed Eboli….

Continua
Traffico e spaccio di droga: asse ‘Ndrangheta-criminalità locale nel Salernitano Cronaca 

Traffico e spaccio di droga: asse ‘Ndrangheta-criminalità locale nel Salernitano

Una nota famiglia della ndrangheta si salda con un gruppo familiare della Piana del Sele per trafficare e spacciare droga. Quindici persone agli arresti. Colpo gobbo della Procura di Salerno. Tredici persone in carcere ed altre due a domiciliari; dieci gli indagati a piede libero, quasi tutti spacciatori al dettaglio. I trafficanti sull’asse calabro-campano che da San Luca arrivava a Campagna sono stati arrestati all’alba dai Carabinieri della Compagnia di Eboli, su disposizione del gip presso il Tribunale di Salerno. Le indagini della Direzione distrettuale antimafia hanno appurato l’esistenza di…

Continua
Si finge mozzo nella spadara: preso il boss della ‘ndrangheta Rocco Parrello Cronaca 

Si finge mozzo nella spadara: preso il boss della ‘ndrangheta Rocco Parrello

Un uomo è stato arrestato ieri mattina nel porto di Marina di Camerota. Si tratta di Rocco Parrello, cinquantenne originario di Bagnara Calabra. Il 50enne era ricercato per un mandato di cattura emesso dal Tribunale di Reggio Calabria per associazione di stampo mafioso. L’uomo si fingeva mozzo a bordo del Marcantonio IV, una barca ormeggiata da un paio di giorni nel porto cilentano, quando è stato arrestato dai carabinieri della locale stazione coordinati dal Maresciallo Francesco Carelli e della compagnia di Sapri al comando del capitano Michele Zitiello insieme ad…

Continua