Voi siete qui
Omicidio piccola Jolanda: Riesame nega la scarcerazione anche alla madre Cronaca 

Omicidio piccola Jolanda: Riesame nega la scarcerazione anche alla madre

I giudici del Tribunale del Riesame non credono nemmeno ad Immacolata Monti. Dopo aver negato la scarcerazione al marito, Giuseppe Passariello, ieri il collegio ha detto no alla richiesta del legale di Monti, l’avvocato Calabrese. La mamma della bimba di otto mesi uccisa in casa a Sant’Egidio del Monte Albino resta in galera perché ritenuta quantomeno connivente con il marito. Su di lei pesa l’accusa pesantissima di concorso in maltrattamenti e omicidio volontario. Per gli inquirenti era pienamente consapevole di quanto stava accadendo, nella notte del 22 giugno, nella sua…

Continua
Omicidio piccola Jolanda: Riesame respinge il ricorso di Passariello. Rimane in carcere Cronaca 

Omicidio piccola Jolanda: Riesame respinge il ricorso di Passariello. Rimane in carcere

Giuseppe Passariello rimane in carcere. Il Riesame ha respinto il ricorso dell’avvocato che difende l’uomo accusato di aver ucciso la figlia di otto mesi a Sant’Egidio del Monte Albino. Giovedì è attesa la decisione per la moglie, in carcere con le medesime accuse. Per il tribunale del Riesame l’impianto accusatorio impostato dalla Procura di Nocera, sulla scorta delle indagini svolte dai poliziotti della Mobile e del Commissariato nocerino, è pienamente condivisibile. Giuseppe Passariello deve rimanere in carcere, a Fuorni, con l’accusa di maltrattamenti e di omicidio aggravato in concorso con…

Continua
Caso Jolanda, arrestata anche la madre per concorso in omicidio pluriaggravato Cronaca 

Caso Jolanda, arrestata anche la madre per concorso in omicidio pluriaggravato

Colpo di scena nelle indagini sulla morte della piccola Jolanda, la bimba di appena otto mesi deceduta, come emerso dall’autopsia, per ripetuti maltrattamenti nella notte tra il 21 e il 22 giugno a Sant’Egidio del Monte Albino, in provincia di Salerno. Questa mattina, infatti, è stata arrestata, su disposizione del pm Roberto Lenza, la madre, Immacolata Monti, indagata, dalla Procura di Nocera Inferiore, per omicidio pluriaggravato e maltrattamenti in famiglia in concorso con il marito Giuseppe Passariello, già rinchiuso nel carcere di Salerno dal 23 giugno con l’accusa di omicidio volontario aggravato. La donna è…

Continua
Decesso bambina di Sant’Egidio del Monte Albino: fermato il padre Cronaca 

Decesso bambina di Sant’Egidio del Monte Albino: fermato il padre

Nel pomeriggio, all’ospedale di Nocera Inferiore, l’autopsia sul corpicino della bimba di otto mesi arrivata già morta all’Umberto I nella notte tra venerdì e sabato. I genitori sono indagati per omicidio ed il padre è stato fermato nella tarda serata di ieri, per un imminente pericolo di fuga. Si trova agli arresti in carcere, in attesa che si chiarisca la vicenda. «Allo stato, ferma restando la necessità di attendere l’esito dell’esame autoptico- scrive il procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Nocera, Antonio Centore- Giuseppe Passariello, padre della minore deceduta,…

Continua
In silenzio davanti al gip i cinque arrestati per l’omicidio Autuori, avvenuto a Pontecagnano nel 2015 Cronaca 

In silenzio davanti al gip i cinque arrestati per l’omicidio Autuori, avvenuto a Pontecagnano nel 2015

I principali indagati per il delitto di Aldo Autuori, commesso quattro anni fa a Pontecagnano, hanno fatto scena muta davanti al gip Pietro Indinnimeo del Tribunale di Salerno. Assistiti dai loro legali, mandanti, esecutori ed organizzatori dell’omicidio si sono avvalsi della facoltà di non rispondere alle domande del magistrato. Stefano Cecere, che faceva da tramite con il boss Francesco Mallardo per il via libera al gruppo di fuoco, è detenuto nel carcere di Salerno-Fuorni. Sentito per rogatoria, invece, Francesco Mogavero, uno dei due mandanti- secondo l’accusa- della spedizione omicida contro…

Continua
Pastore ucciso a Giffoni Sei Casali, oggi l’autopsia Cronaca 

Pastore ucciso a Giffoni Sei Casali, oggi l’autopsia

Gli elementi raccolti in questi giorni sono numerosi e consentono agli inquirenti di avere un quadro più chiaro su quanto accaduto martedì scorso. Potrebbe essere risolto a breve il caso del pastore ucciso sulle colline di Giffoni Sei Casali, in località Sieti. L’autopsia, in programma oggi, è utile a capire innanzitutto quanti colpi di fucile hanno raggiunto Domenico Pennasilico. E poi ad appurare le cause esatte del decesso. Se il 60enne è caduto nel dirupo da solo, in seguito alle ferite subite, o se è stato spinto. Chi ha sparato…

Continua
Pastore ucciso per dissapori legati al pascolo Cronaca 

Pastore ucciso per dissapori legati al pascolo

Potrebbe essere stata una lite degenerata oppure un vero e proprio agguato. Di sicuro all’origine della tragedia avvenuta ieri pomeriggio sulle colline di Giffoni Sei Casali ci sono problemi legati alle zone di pascolo. Ne sono convinti i Carabinieri di Battipaglia, diretti dal maggiore Vitantonio Sisto, che indagano sull’accaduto. Anche perché quella zona di solito viene raggiunta solo dai pastori. In località Sieti ieri pomeriggio si sono avvertiti degli spari. Ad essere colpito alla gamba è stato un pastore di 61 anni che, in seguito al ferimento, è caduto in…

Continua
Omicidio Szekeres: Ferrante non risponde alle domande del gip Cronaca 

Omicidio Szekeres: Ferrante non risponde alle domande del gip

Almeno per ora non sapremo perché Carmine Ferrante abbia ucciso anche Mariana Szekeres, oltre al Nikolova Temenushka. Il muratore di Vietri sul Mare, già detenuto per l’omicidio della prostituta bulgara di Pagani, non ha risposto alle domande degli inquirenti che lo accusano dell’altro assassinio. Quello della prostituta rumena Szekeres, avvenuto a Salerno la notte fra il 30 aprile ed il 1 maggio del 2016. Due mesi dopo, in agosto, Ferrante avrebbe ucciso Temenushka nei pressi del cimitero di pagani, con modalità analoghe ed abbandonandone il cadavere (come nel primo caso)…

Continua
Omicidio Faucitano, arrestati i tre responsabili Cronaca 

Omicidio Faucitano, arrestati i tre responsabili

La lezione, mortale, da infliggere a Faucitano, responsabile, a loro dire, di non avere onorato il debito per droga, doveva servire anche agli altri clienti e clan del territorio. Carmine Alfano, detto «bim bum bam», 34 anni; Marcello Adini, 31anni, detto «mammone» ed il 41enne Pasquale Rizzo, sono stati arrestati ieri mattina dai carabinieri del Reparto territoriale di Nocera Inferiore su richiesta della Dda di Salerno. I tre già noti giustizia, sono accusati di omicidio e porto abusivo di armi, con l’aggravante del metodo mafioso-camorristico. Sono loro, a vario titolo,…

Continua
Arrestati gli autori dell’omicidio Faucitano Cronaca 

Arrestati gli autori dell’omicidio Faucitano

Svolta nelle indagini per l’omicidio di Armando Faucitano, commesso il 26 aprile 2015 a Scafati. Questa mattina, i carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, hanno eseguito nove perquisizioni domiciliari e tre ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal gip, nei confronti delle tre persone ritenute responsabili di omicidio e porto abusivo di armi, aggravati dall’aver agito con metodo mafioso-camorristico. I fatti All’epoca, due sicari, coadiuvati da un «palo», uccisero Faucitano su una panchina in piazzetta Falcone e Borsellino, in pieno centro cittadino….

Continua