Voi siete qui
Paura a Teggiano per un’esplosione avvenuta in un’officina Cronaca 

Paura a Teggiano per un’esplosione avvenuta in un’officina

Paura a Teggiano per un ordigno esploso in un’officina. Mentre uno dei meccanici stava riparando una Mercedes che si trovava lì da diversi giorni, nel collegare la batteria, si è reso conto di un rumore anomalo proveniente dall’interno dell’auto. Si è quindi allontanato e pochi secondi dopo c’è stata l’esplosione. A causarla è stata un ordigno che era stata collocata all’interno del cruscotto. Secondo quanto hanno accertato gli artificieri, l’ordigno era collegato all’impianto elettrico e confezionato in modo da esplodere all’accensione del veicolo.  

Continua
Ordigno all’ospedale Ruggi: Cirielli (FdI) chiede task force sicurezza al ministro Salvini Cronaca 

Ordigno all’ospedale Ruggi: Cirielli (FdI) chiede task force sicurezza al ministro Salvini

«L’ordigno piazzato all’esterno della camera mortuaria dell’ospedale “Ruggi” di Salerno è un episodio gravissimo che deve far alzare il livello di allerta». Lo afferma in una nota il parlamentare salernitano di Fratelli di Italia Edmondo Cirielli. «Piazzare una bomba all’esterno di un presidio sanitario è un segnale inquietante, che indica come alcune organizzazioni criminali si sentano legittimate a spadroneggiare nella città di Salerno e nella provincia» spiega Cirielli. «Mi auguro che le forze dell’ordine, a cui va il mio sostegno, individuino i responsabili, chiarendo la matrice del gesto. In ogni…

Continua
Tentato colpo al bancomat del Comune di Baronissi: duro commento del sindaco Valiante Cronaca 

Tentato colpo al bancomat del Comune di Baronissi: duro commento del sindaco Valiante

«Il tentato colpo (nessun bottino)di questa notte al bancomat Bcc all’ingresso del palazzo di città è atto grave e preoccupante anche per la dinamica avvenuta attraverso lo scoppio di un ordigno». E’ quanto scrive su Facebook il sindaco di Baronissi, Gianfranco Valiante, postando anche due foto del bancomat fatto esplodere sotto la sede del Palazzo di Città. «Le forze dell’ordine e la polizia scientifica sono al lavoro, visionando anche le telecamere di videosorveglianza, per ricostruire i fatti e dare un nome ai componenti della banda. Lo Stato, la Prefettura, le…

Continua