Voi siete qui
Omicidio piccola Jolanda: Riesame nega la scarcerazione anche alla madre Cronaca 

Omicidio piccola Jolanda: Riesame nega la scarcerazione anche alla madre

I giudici del Tribunale del Riesame non credono nemmeno ad Immacolata Monti. Dopo aver negato la scarcerazione al marito, Giuseppe Passariello, ieri il collegio ha detto no alla richiesta del legale di Monti, l’avvocato Calabrese. La mamma della bimba di otto mesi uccisa in casa a Sant’Egidio del Monte Albino resta in galera perché ritenuta quantomeno connivente con il marito. Su di lei pesa l’accusa pesantissima di concorso in maltrattamenti e omicidio volontario. Per gli inquirenti era pienamente consapevole di quanto stava accadendo, nella notte del 22 giugno, nella sua…

Continua
Omicidio piccola Jolanda: Riesame respinge il ricorso di Passariello. Rimane in carcere Cronaca 

Omicidio piccola Jolanda: Riesame respinge il ricorso di Passariello. Rimane in carcere

Giuseppe Passariello rimane in carcere. Il Riesame ha respinto il ricorso dell’avvocato che difende l’uomo accusato di aver ucciso la figlia di otto mesi a Sant’Egidio del Monte Albino. Giovedì è attesa la decisione per la moglie, in carcere con le medesime accuse. Per il tribunale del Riesame l’impianto accusatorio impostato dalla Procura di Nocera, sulla scorta delle indagini svolte dai poliziotti della Mobile e del Commissariato nocerino, è pienamente condivisibile. Giuseppe Passariello deve rimanere in carcere, a Fuorni, con l’accusa di maltrattamenti e di omicidio aggravato in concorso con…

Continua
Passariello resta in carcere: padre bimba soffocata respinge accuse, ma il gip non gli crede Cronaca 

Passariello resta in carcere: padre bimba soffocata respinge accuse, ma il gip non gli crede

Si è difeso negando ogni addebito Giuseppe Passariello, il padre della bimba di otto mesi deceduta tra venerdì e sabato notte nell’Agro Nocerino Sarnese. Il 37enne da domenica sera è in carcere a Fuorni, per omicidio volontario aggravato, in seguito al fermo alla stazione di Salerno per un tentativo di fuga. Ieri l’uomo è comparso dinanzi al gip Luigi Levita per l’udienza di convalida, nella casa circondariale salernitana. Assistito dall’avvocato Silvio Calabrese, il 37enne si è difeso dalla pesante accusa contestata dalla Procura di Nocera Inferiore, ricostruendo quanto accaduto in…

Continua