Voi siete qui
Salernitana, per Ventura dubbi soltanto a centrocampo Sport 

Salernitana, per Ventura dubbi soltanto a centrocampo

Ritorno al passato. Per la delicata sfida di domenica sera con il Crotone mister Ventura sembra intenzionato a puntare sulle (poche) certezze messe in mostra ad inizio stagione. Contro i pitagorici, ad esempio, si rivedrà il terzetto difensivo composto da Karo, Migliorini e Jaroszynski, mentre Billong si accomoderà in panchina. In mediana non solo verrà rispolverato l’ex di turno Firenze, ma Kiyine sarà riproposto sull’out mancino, dopo aver deluso da mezzala. In avanti, invece, si ricomporrà la coppia composta da Djuric (altro ex) e Jallow, che lo scorso anno ha…

Continua
Salernitana: De Patre (vice allenatore) se ne va, gruppo al lavoro per la sfida con il Crotone Sport 

Salernitana: De Patre (vice allenatore) se ne va, gruppo al lavoro per la sfida con il Crotone

E’ una settimana calda quella che sta vivendo la Salernitana, l’ennesima caratterizzata dalla delusione per i mancati risultati. A far discutere, intanto, ieri è stato anche l’abbandono dell’allenatore in seconda dei granata, Tiziano De Patre, che ha lasciato il ritiro e non ha preso parte alla doppia seduta di ieri. Secondo indiscrezioni, il vice di Ventura avrebbe presentato un certificato medico alla società e, di conseguenza, sarebbe impossibilitato a proseguire la sua avventura con il club granata. Sulla vicenda non si registra alcuna posizione da parte della società che non…

Continua
Salernitana, si dimette De Patre, il vice di Ventura Sport 

Salernitana, si dimette De Patre, il vice di Ventura

Non c’è pace per la Salernitana dopo il ko di Cittadella, gli allenamenti al Mary Rosy e il ritiro a Paestum. Gian Piero Ventura perde il suo braccio destro: si è dimesso Tiziano De Patre vice allenatore della Salernitana. De Patre non era presente all’allenamento stamattina. Il vice di Ventura ha fatto recapitare un certificato medico al club per manifestare la sua indisponibilità a proseguire, per il momento, l’avventura in granata.  De Patre ha parlato anche con il mister prima di comunicare la decisione ed il periodo di indisponibilità, per…

Continua
Sannino a Goal su Goal “non sono un signor sì, colpe non solo dell’allenatore” Sport 

Sannino a Goal su Goal “non sono un signor sì, colpe non solo dell’allenatore”

“Il calo di risultati che si verifica ogni anno non può essere colpa solo dell’allenatore”. Lo dice Giuseppe Sannino che tre stagioni fa ha vissuto le stesse difficoltà capitate ai successivi allenatori della Salernitana. L’ex tecnico granata, intervenuto a Goal su Goal a LiraTv, oggi allena il Budapest Honved.

Continua
Salernitana, Ventura deve provare ad aggiustare il “giocattolo” Sport 

Salernitana, Ventura deve provare ad aggiustare il “giocattolo”

La Salernitana prova a rimettere insieme i cocci. Il disastroso primo tempo disputato a Cittadella, l’atteggiamento di Ventura nel corso del match, la sensazione di uno scollamento tra la squadra e l’allenatore ma anche tra l’allenatore e la società, i mugugni dei tifosi (alcuni dei quali hanno già preannunciato l’intenzione di non partecipare per protesta alle gare casalinghe) non fanno altro che rendere l’aria ancora più tesa. La proprietà ha rinnovato la fiducia al tecnico ligure il quale, però, dovrà farsi bastare quello che ha (almeno fino a gennaio) per…

Continua
Ventura, cronaca di un pomeriggio iniziato male e finito peggio Sport 

Ventura, cronaca di un pomeriggio iniziato male e finito peggio

Gian Piero Ventura resta al suo posto. Nessuna dimissione o esonero. Ma il suo pomeriggio in Veneto è tutto da dimenticare. Eppure era cominciata così, con il sole del Tombolato a baciare gli alfieri granata e con l’abbraccio tra Ventura e Venturato, due allenatori accomunati dall’assonanza del cognome ma non certo dal destino. Il pomeriggio tempestoso della Salernitana e del suo mister ha preso una brutta piega quando lo scacchiere granata è andato in confusione proprio nel suo momento migliore, quando Djiuric aveva azzeccato la mossa insaccando per primo il…

Continua
Cit-Sal, Rosafio: «serata no Salernitana, ma è anche merito nostro» Sport 

Cit-Sal, Rosafio: «serata no Salernitana, ma è anche merito nostro»

Per Marco Rosafio, attaccante del Cittadella, la Salernitana era in serata “no”. La qualità tecnica s’è vista quando in dieci minuti i granata hanno recuperato due gol, ma il merito della vittoria è innanzitutto «nostro», rivendica la punta del Cittadella, elogiando la serenità dell’ambiente veneto e la meticolosità con cui mister Venturato prepara le partite. (intervista al LiraTg sport)

Continua
Cittadella – Salernitana 4-3, i granata reagiscono solo nel finale Sport 

Cittadella – Salernitana 4-3, i granata reagiscono solo nel finale

Ancora a caccia di riscatto, la Salernitana si presenta al Tombolato con tre novità di formazione: Jaroszynski al posto di Lopez a sinistra e la coppia d’attacco formata da Giannetti e Djuric. Per il resto confermati gli uomini scesi in campo contro l’Ascoli. Il Cittadella risponde con un 4-3-1-2, con D’Urso sulla trequarti a supporto di Diaw e Rosafio. Parte subito bene la squadra di casa che mette immediatamente sotto pressione la Salernitana. Al 4’ Rosafio recupera palla sulla trequarti, entra in area di rigore e calcia col mancino ad…

Continua
Niente anticipo per Salernitana-Crotone, si gioca alle ore 21 Sport 

Niente anticipo per Salernitana-Crotone, si gioca alle ore 21

La gara Salernitana-Crotone in programma domenica 15 dicembre allo stadio Arechi si giocherà alle ore 21 come programmato. Lo scrive Il Mattino oggi in edicola. Nonostante la richiesta del Comune di anticipare per evitare la sovrapposizione della gara dell’Arechi con l’arrivo dei visitatori in via Allende, per le Luci d’Artista, non sarebbero arrivate istruzioni sull’anticipo dal Viminale e dall’Osservatorio sul cambio di orario.

Continua
Cerci, da stella del mercato a stella cadente Sport 

Cerci, da stella del mercato a stella cadente

Si chiamano Geminidi. Sono le meteore del mese di dicembre. Tra queste c’è anche Alessio Cerci, fermatosi ieri per un nuovo infortunio. Il passaggio da stella del mercato a stella cadente è stato breve. Accolto con entusiasmo, l’ex attaccante di Torino, Milan e Fiorentina è stato aspettato con pazienza. Aveva bisogno di tempo e forse, avranno pensato i tifosi, vale la pena attendere un po’ di più per un calciatore che può fare la differenza. Sono passate settimane, mesi… ma del valore aggiunto non si hanno tracce. Troppo pochi quei…

Continua