Voi siete qui
Spari a Cava, indagini chiuse Cronaca 

Spari a Cava, indagini chiuse

La Procura di Nocera Inferiore ha chiuso le indagini sulla sparatoria avvenuta dell’ospedale di Cava dè Tirreni. Gli indagati sono un 71enne ed un 30enne, accusati di lesioni personali. Gli inquirenti hanno ricostruito la dinamica di quanto successo il 21 ottobre nel piazzale del nosocomio. Stando alla ricostruzione dei carabinieri, il professore in pensione avrebbe esploso un colpo all’indirizzo dell’anziano che con il figlio 30enne si era recato al pronto soccorso. Il figlio della vittima, vedendo il padre a terra, si scagliò con il 71enne, riuscendo poi a sfilargli la…

Continua
Spari in ospedale a Cava de’ Tirreni. I Carabinieri arrestano una persona e ne denunciano un’altra Cronaca 

Spari in ospedale a Cava de’ Tirreni. I Carabinieri arrestano una persona e ne denunciano un’altra

Arrivano le prime misure, scaturite dalla ricostruzione dei fatti accaduti ieri pomeriggio al pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria dell’Olmo di Cava de’ Tirreni. Il pomeriggio da Far West al pronto soccorso di Cava de’ Tirreni ha almeno due responsabili e sono i destinatari delle prime due misure adottate dai Carabinieri, dopo la ricostruzione della dinamica dei fatti. A finire in manette è il padre del medico aggredito, poco prima degli spari, da un uomo che pretendeva di stazionare nell’area dov’era in osservazione un congiunto. Ad essere denunciato, invece, è il…

Continua
Sparatoria pronto soccorso Cava de’ Tirreni, Polichetti (Fials): «Si apra un dibattito su chi entra negli ospedali. Chiedo comitato sicurezza» Cronaca 

Sparatoria pronto soccorso Cava de’ Tirreni, Polichetti (Fials): «Si apra un dibattito su chi entra negli ospedali. Chiedo comitato sicurezza»

«La decisione dei vertici del Ruggi di fare chiarezza su quanto accaduto a Cava de’ Tirreni mi fa ben sperare». Così Mario Polichetti, sindacalista della Fials Salerno, interviene sulla sparatoria avvenuta nei locali del Pronto soccorso dell’ospedale di Cava de’ Tirreni. «I protocolli di sicurezza sono partiti immediatamente: questo è bene, anche se il nodo legato su chi entra negli ospedali deve essere sempre oggetto di dibattito per un aggiornamento continuo», continua Polichetti. «Si è evitato il peggio solo grazie al pronto intervento di guardie giurate e forze dell’ordine, ma…

Continua
Trovati bossoli nei pressi del Parco del Mercatello, indagini a 360 gradi Cronaca 

Trovati bossoli nei pressi del Parco del Mercatello, indagini a 360 gradi

Alcuni colpi d’arma da fuoco sono stati uditi intorno a mezzogiorno in via Lazzarelli nei pressi del Parco del Mercatello ma la segnalazione anonima sarebbe giunta alle Forze dell’Ordine solo nel primo pomeriggio. Dopo un primo sopralluogo di una pattuglia di zona della Polizia di Stato, sul posto si sono recati anche gli agenti di Squadra Mobile e Scientifica che hanno rinvenuto a terra alcuni bossoli di pistola. L’area è stata transennata e i vigili urbani hanno chiuso la strada e allontanato i passanti. Non è escluso che possa esserci…

Continua
Assalto a portavalori,  sparatoria e fiamme sulla Sa-Av Cronaca 

Assalto a portavalori, sparatoria e fiamme sulla Sa-Av

Non si conosce ancora l’esatto importo del bottino, sui furgoni erano trasportati circa 8 milioni di euro destinati alla Banca d’Italia. I gruppi armati, probabilmente due, hanno fatto scendere dai mezzi le guardie giurate della Cosmopol, puntando contro di loro i kalashnikov, e hanno bloccando la sede autostradale. In pochi istanti i rapinatori hanno seminato il panico lungo il raccordo autostradale Salerno-Avellino. Un carabiniere della stazione di Serino, in quel momento impegnato insieme ad un collega nel trasporto di un detenuto, sarebbe stato avvisato, da una donna bloccata nel traffico,…

Continua
Pagani, spara all’amico. Arrestato un 38enne Cronaca 

Pagani, spara all’amico. Arrestato un 38enne

E’ da tutto da ricostruire il movente che ha spinto, ieri pomeriggio, Vincenzo Cascetta, 38enne di Pagani, a sparare all’indirizzo di Pietrangelo Campitiello, 45anni, anch’egli paganese. Da una prima ricostruzione fatta dai carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore, a legare i due sarebbe la passione per il bodybuilding, sport praticato da entrambi a livello agonistico. Il tentato omicidio, ritengono gli inquirenti, sarebbe maturato in tale contesto. Ieri pomeriggio i due, alla presenza di un altro culturista, si sarebbero incontrati in via Marconi, a Pagani, per parlare. La conversazione sarebbe…

Continua