Voi siete qui
Strage di Capaci, a Salerno cerimonia presso il monumento Falcone – Borsellino Cronaca 

Strage di Capaci, a Salerno cerimonia presso il monumento Falcone – Borsellino

Ventisette anni fa la strage di Capaci: il 23 maggio del 1992, poco prima delle 18, sull’autostrada che collega l’aeroporto di Punta Raisi a Palermo, esplode una carica di tritolo, l’asfalto viene sventrato, e in quell’inferno di lamiere muoiono il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani. Mentre altrove si scatena la polemica, Salerno ricorda quel terribile attentato, che ha sconvolto l’intero Paese, con una cerimonia sobria e la deposizione di una corona di alloro alla memoria del giudice Falcone…

Continua
Strage di Capaci, il ricordo del procuratore Masini Cronaca 

Strage di Capaci, il ricordo del procuratore Masini

In occasione della cerimonia di questa mattina il procuratore vicario del Tribunale di Salerno Luca Masini ricorda di quando, agli inizi della sua carriera,  ha contattato per la prima volta Giovanni Falcone.

Continua
Minacciò di compiere strage a Salerno in nome dell’Isis, cingalese espulso dal territorio nazionale Cronaca 

Minacciò di compiere strage a Salerno in nome dell’Isis, cingalese espulso dal territorio nazionale

E’ stato espulso dal territorio italiano il cingalese che nel 2016, dopo essersi barricato in casa ed aver tagliato il tubo del gas nella cucina della sua abitazione (determinando una copiosa perdita di gars) si era poi scagliato brandendo una spranga contro gli agenti di polizia intervenuti sul posto e costretti ad evacuare l’intero stabile, sostenendo di essere membro dell’Isis e di voler compiere una strage. Il cingalese per tali fatti fu sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari ed è stato processato dalla Corte di Assise di Salerno che…

Continua
E’ accusato di strage il diciottenne che ha investito dei coetanei all’uscita di una discoteca Cronaca 

E’ accusato di strage il diciottenne che ha investito dei coetanei all’uscita di una discoteca

È stato accompagnato in carcere il diciottenne paganese, accusato formalmente di strage, per aver investito alcuni coetanei all’esterno di una discoteca a Cava Si è aggravata la posizione del diciottenne di Pagani, che nella nottata del 2 novembre si era reso responsabile dell’investimento con la propria autovettura di almeno 8 persone all’uscita di una discoteca di Cava de’Tirreni. Nel pomeriggio di ieri, agenti di Polizia del commissariato metelliano gli hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Nocera Inferiore, su richiesta del P.M. Fasano…

Continua
Cava de’ Tirreni: arrestato per strage il 18enne che aveva investito suoi coetanei davanti ad una discoteca Cronaca 

Cava de’ Tirreni: arrestato per strage il 18enne che aveva investito suoi coetanei davanti ad una discoteca

Nel pomeriggio di oggi, agenti di Polizia del commissariato di Cava de’ Tirreni hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Nocera Inferiore, su richiesta del P.M. Fasano della Procura della Repubblica di Nocera Inferiore, nei confronti del diciottenne di Pagani, che nella nottata del 2 novembre si era reso responsabile dell’investimento con la propria autovettura di almeno 8 persone all’uscita di una discoteca. Dagli accertamenti svolti nell’immediatezza, gli agenti avevano appurato che il giovane aveva deliberatamente investito le persone con manovre spericolate e…

Continua
Sassano, Paciello chiede l’assoluzione in Cassazione Cronaca 

Sassano, Paciello chiede l’assoluzione in Cassazione

«Mentre i nostri figli non ci sono più, loro sperano nell’assoluzione». A parlare è la signora Lina, mamma di Nicola e Giovanni Femminella, che il 28 novembre del 2014 sono stati uccisi da Gianni Paciello, che alla guida della sua Bmw piombò sul bar gestito proprio dalla signora Lina e da suo marito, investì, uccidendoli sul colpo, anche Daniele Paciello e Luigi Paciello, suo fratello. «Il dolore non si placa» dice al telefono la signora Lina. Per le famiglie Femminella e Paciello, domani sarà un’altra giornata di tormentata attesa. In…

Continua