Delitto delle Fornelle: ecco perché la Corte d’Assise d’Appello ha condannato Gentile

La reazione di Luca Gentile di fronte alle possibili provocazioni di Eugenio Tura De Marco mai avrebbero potuto giustificarne la reazione omicida. E nemmeno ad un assassino reo-confesso come Gentile si possono riconoscere attenuanti generiche, sulla base dei racconti fatti nel corso delle indagini ed in fase processuale. E’ questo il nucleo delle motivazioni che hanno spinto la Corte d’Assise d’Appello di Salerno a confermare la condanna, pur riducendola a 16 anni e otto mesi di reclusione. In pratica, i giudici non hanno creduto alla versione del giovane che la…

Continua