Voi siete qui
Africa tra Prevenzione e Prospettive,  staffetta umanitaria di giovani Curiosità 

Africa tra Prevenzione e Prospettive, staffetta umanitaria di giovani

Gli Studenti dell’Università degli Studi di Salerno per la prima volta sono approdati in Africa grazie alla Fondazione Rachelina Ambrosini che ha messo in moto una staffetta umanitaria di giovani competenti e determinati. Un progetto di Cooperazione per la Salute Globale teso a ridurre le disuguaglianze, con precisi interventi per il diritto alla salute, alla formazione, alla speranza, operativo anche nella realizzazione di una struttura di accoglienza nel campo profughi di Gambella, al confine tra Etiopia e Sud Sudan: “La Casa delle Mamme di Abobo”, con l’importante collaborazione dell’Arcidiocesi di…

Continua
Classifica università Censis, Salerno perde posizioni Notizie 

Classifica università Censis, Salerno perde posizioni

Da nona a quattordicesima posizione, terzultima tra le grandi università statali, quelle dai 20.000 a 40.000 iscritti. Nell’annuale classifica del Censis, edizione 2018-1019, l’università di Salerno perde splendore. Primo, comunque, tra quelli campani, l’ateneo di Fisciano In 12 mesi ha visto la media scende da 81,2 a 76,8.La classifica del Censis tiene conto dell’offerta didattica, del livello di internazionalizzazione, dei servizi erogati e delle strutture disponibili. Analizzando gli indicatori utilizzati per la valutazione, Salerno mantiene stabile il punteggio sui servizi (83), nel quale rientrano voci come numero pasti erogati, numero…

Continua
Università di Salerno, arrivano 24 ricercatori Notizie 

Università di Salerno, arrivano 24 ricercatori

La notizia è stata accolta con piacere innanzitutto dal mondo della ricerca. Il Miur, nell’ambito del Piano Straordinario 2018 per il reclutamento ricercatori, ha decretato lo stanziamento delle risorse finanziarie da distribuire alle Università per l’attivazione di contratti di Ricercatore a tempo determinato. Ventiquattro posti sono stati assegnati all’Università di Salerno. Nella ripartizione dei posti, il Ministero ha preso in considerazione la dimensione accademica (ovvero, la dimensione data dalla media dei docenti in servizio al 31 dicembre 2010 e al 31 dicembre 2017). Sulla scorta di tale indicatore, ad ogni…

Continua