Voi siete qui
RAPINA DEL 22 OTTOBRE AI DANNI DI NOTA GIOIELLERIA DI CASAL VELINO. PRESO IL TERZO RAPINATORE Cronaca 

RAPINA DEL 22 OTTOBRE AI DANNI DI NOTA GIOIELLERIA DI CASAL VELINO. PRESO IL TERZO RAPINATORE

I Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di un 18enne napoletano, tra i responsabili della rapina avvenuta lo scorso 22 ottobre presso una nota gioielleria di Casal Velino. Il giovane – che aveva messo a segno la rapina con altri 2 complici arrestati subito dopo dai Carabinieri della Compagnia di Agropoli – era riuscito a darsi alla fuga. Le indagini hanno consentito la sua individuazione, il recupero di ulteriore refurtiva e ora, finalmente, il suo arresto.

Continua
Neonato morto a Vallo, la madre si difende: «non gli ho usato violenza» Cronaca 

Neonato morto a Vallo, la madre si difende: «non gli ho usato violenza»

Olga Jacob da qualche ora si trova ai domiciliari in una struttura protetta di Novi Velia. Il gip del Tribunale di Vallo della Lucania, infatti, ha respinto la richiesta del pm Itri della Procura vallese, che voleva la reclusione in carcere per la donna moldava accusata dell’omicidio del suo neonato. La Jacob, infatti, non ha ancora saputo spiegare in modo chiaro cosa sia accaduto nella casa della frazione Angellara, dove lavorava come badante dallo scorso mese di aprile. Nonostante ciò, non esisterebbe il concreto pericolo di fuga. E dunque, la…

Continua
Diplomificio a Castellabate: in 340 rischiano il titolo di studio Cronaca 

Diplomificio a Castellabate: in 340 rischiano il titolo di studio

Che si trattasse di roba grossa i Carabinieri e la Procura di Vallo della Lucania lo avevano capito fin dalla prima intuizione investigativa: ma forse neanche loro potevano immaginare perquisizioni in ben 43 province italiane ed un numero di indagati vorticoso: finora, almeno i 340 diplomati “facili” presso un istituto paritario di Castellabate che rischiano sotto il profilo penale, oltre alla revoca del titolo di studio, ovviamente. Poi ci sono le responsabilità presunte – e da mettere a fuoco – di dirigenti e docenti di quella scuola. Quello che gli…

Continua
La salma di Simon Gautier torna in Francia. Continuano le indagini Cronaca 

La salma di Simon Gautier torna in Francia. Continuano le indagini

Nelle ultime ore a Vallo della Lucania si è tenuto in vertice fra i venti investigatori impegnati sul campo nelle indagini sulla morte del turista francese in Cilento ed il procuratore Antonio Ricci, titolare dell’inchiesta. Come promesso al padre di Simon Gautier, non sarà tralasciato nulla per fare luce su eventuali omissioni colpose o dolose. Da mettere a fuoco ci sono i minuti e le ore successive alla caduta dell’escursionista lungo il dirupo Ciolandrea, nel Comune di San Giovanni a Piro. Perché se è ormai certo che Gautier ha dormito…

Continua
Morte Simon Gautier, oggi l’autopsia. Indagine per omicidio colposo Cronaca 

Morte Simon Gautier, oggi l’autopsia. Indagine per omicidio colposo

Il procuratore Antonio Ricci lo ha messo subito in chiaro: nulla sarà lasciato al caso nelle indagini per appurare con esattezza come è morto Simon Gautier, dopo essere caduto in un dirupo a San Giovanni a Piro. La Procura di Vallo della Lucania si muove su un duplice binario: fare luce sui nove giorni intercorsi tra la caduta ed il ritrovamento del cadavere per spiegare alla famiglia del turista francese cosa sia accaduto; e dissolvere – nel caso – le ombre addensatesi sulla macchina dei soccorsi, che si è mossa…

Continua
Visite nelle carceri del Salernitano: tra luci ed ombre, si spera nel futuro Curiosità 

Visite nelle carceri del Salernitano: tra luci ed ombre, si spera nel futuro

I Radicali ringraziano chi ha voluto condividere con loro il tour ferragostano nelle carceri salernitane. Dopo Salerno Fuorni, tocca a Vallo della Lucania e al reparto detenuti dell’Ospedale Ruggi. Ciò che emerge è il sovraffollamento: nella casa circondariale Caputo ci sono 529 detenuti a fronte di 366 posti, con una crescita di stranieri (da 40 a 65). La visita ispettiva, alla quale hanno preso parte anche alcuni rappresentanti delle istituzioni, ha rilevato – però- anche quanto di positivo la direttrice Rita Romano ha impostato nelle prime settimane alla guida del…

Continua
Ceraso: immigrato del Darfour tenta di lanciare figlioletta dal balcone, arrestato Cronaca 

Ceraso: immigrato del Darfour tenta di lanciare figlioletta dal balcone, arrestato

I carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania, diretti dal Capitano Mennato Malgieri, hanno arrestato un 35enne originario del Darfour ma residente a Ceraso, richiedente asilo politico. È accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate. Nella mattinata di oggi i Carabinieri hanno appurato che l’uomo dapprima ha aggredito la sua compagna, provocandole ferite guaribili in 30 giorni e poi ha tentato di lanciare la figlia di 4 mesi dal terzo piano della propria abitazione. Solo il repentino intervento dei carabinieri, aiutati dai vigili del fuoco, ha evitato che…

Continua
Evasione fiscale: le fiamme gialle sequestrano 343mila euro in oro e preziosi Cronaca 

Evasione fiscale: le fiamme gialle sequestrano 343mila euro in oro e preziosi

Lotta all’evasione fiscale. Le Fiamme Gialle sequestrano tre chilogrammi di oro e preziosi ed altri beni per un valore di circa 343 mila euro. Su disposizione della Procura di Vallo della Lucania, è stato eseguito un decreto di sequestro preventivo nei confronti di un imprenditore di Agropoli, accusato di omesso versamento dell’IVA. Le indagini svolte dai finanzieri della Compagnia di Agropoli sono scaturite da un accertamento su una nota società immobiliare. La Procura di Vallo ha disposto anche la perquisizione dell’abitazione del legale rappresentante della società. E nel corso delle…

Continua
Vallo della Lucania: Guardia di Finanza sequestra beni ad imprese edili Cronaca 

Vallo della Lucania: Guardia di Finanza sequestra beni ad imprese edili

I finanzieri del comando provinciale di Salerno hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo pari a 836mila euro disposto dal gip del Tribunale di Vallo della Lucania su beni e disponibilità finanziarie intestati a sei imprenditori cilentani del settore edile. Sigilli anche a un intero complesso aziendale. Si contestano falsa fatturazione, evasione fiscale, bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio. Le indagini, condotte dalle fiamme gialle di Vallo, sono scaturite dal fallimento di una società edile avvenuto pochi mesi dopo la nascita dell’azienda sottoposta a sequestro, intestata alla moglie dell’amministratore della società fallita….

Continua
Guardia di finanza scopre evasione da 230mila euro ad Agropoli Cronaca 

Guardia di finanza scopre evasione da 230mila euro ad Agropoli

Un’evasione fiscale da oltre 230mila euro è stata scoperta dalla Guardia di Finanza ad Agropoli. Nella rete è finito un imprenditore che guida una società per la posa della fibra ottica. Eseguito anche un sequestro preventivo per 52mila euro, su disposizione della Procura di Vallo della Lucania. Le indagini scaturiscono da accertamenti fiscali delle fiamme gialle che hanno segnalato all’Agenzia delle Entrate un imponibile sottratto a tassazione per almeno 234mila euro, per un’imposta evasa pari a 52mila euro. Dall’analisi di contabilità e dichiarazione dei redditi, sono emersi costi per noleggio…

Continua