Voi siete qui
Tuffi Universiade 2019, troppo forti Cina e Messico Sport 

Tuffi Universiade 2019, troppo forti Cina e Messico

Sono ancora loro, Cina e Messico, a dare spettacolo e a vincere. L’ultima giornata di tuffi alle Universiadi 2019 si chiude nel segno delle due nazionali che hanno dominato la scena sin dall’inizio nelle varie categorie. Alla piscina della Mostra d’Oltremare Cina e Messico aggiungono altre medaglie al loro già cospicuo bottino conquistato in questi giorni nelle gare di tuffi, sia al maschile sia al femminile.

La delegazione cinese di tuffi ha vinto tre delle quattro finali e ha aggiunto un secondo posto concludendo la manifestazione con 15 medaglie, di cui 11 d’oro. La squadra messicana è tornata a casa con 11 medaglie, tra cui quattro vittorie, aggiungendo un oro e tre argenti nell’ultimo giorno.

Il messicano Diego Balleza ha dominato l’ultima finale individuale dei Giochi dalla piattaforma maschile dei 10 metri, segnando un netto vantaggio dal cinese Huang Bowen (argento) e dal 18enne canadese Laurent Gosselin-Paradis (bronzo). Il 24enne campione messicano Balleza, sesto all’Universiade di Taipei 2017, ha concluso la 30a edizione dei Giochi FISU con ben quattro medaglie, due ori e due argenti.

La Cina ha poi conquistato il primo posto degli ultimi tre podi dei tuffi. Nella finale a squadre miste, oro per Huang Bowen e Jiao Jingjing davanti ai messicani Alejandra Estrella e Adan Zuniga e alla coppia sudcoreana Eunbi – Jaegyeong.

La Cina ha ricevuto altre due medaglie d’oro nelle categorie di classifica femminile e maschile, in base alle prestazioni complessive delle squadre durante l’intera competizione dei tuffi. Argento al Messico maschile e femminile, bronzo la Russia negli uomini e per la Sud Corea per le donne.

Related posts