Voi siete qui
Un teatro per Annabella Schiavone: cerimonia a Sant’Eustachio Curiosità 

Un teatro per Annabella Schiavone: cerimonia a Sant’Eustachio

Grande interprete del teatro e della commedia all’italiana, Annabella Schiavone è stata per lunghi decenni protagonista della vita culturale della città di Salerno, che pareva averla dimenticata. A 30 anni dalla morte, le viene intitolata la sala teatrale della parrocchia di Sant’Eustachio.

Annabella Schiavone, figlia del cuore antico di Salerno, se n’è andata a 56 anni nel 1989. Con lei è scomparsa un’attrice di enorme talento, valorizzato da Di Filippo, Monicelli, Vanzina, Verdone, Benigni. Dalla compagnia di Eduardo scappò perché non ne sopportava i modi bruschi. Ma dal teatro per il quale era portatissima, si gettò a capofitto nella stagione d’oro della commedia all’italiana che la vide assoluta protagonista di trame e caratterista di personaggi indimenticabili per l’Italia dell’epoca e che oggi appaiono attualissimi. Proprio la sua Salerno, invece, sembrava essersi dimenticata di lei. Ed invece, una sala teatrale di periferia, fucina pulsante di talenti da coltivare, prende il suo nome con una cerimonia ufficiale ed una messa cui prenderanno parte il sindaco Napoli e l’arcivescovo Bellandi.

La data del 2 dicembre, allora, diventa la data in cui nasce un teatro intitolato ad Annabella Schiavone. Dice don Nello Senatore, parroco della Chiesa di Sant’Eustachio dove sorge il teatro, che «il pubblico l’ha amata perché Annabella era autentica, la sua comicità vivace perché veniva dalla lunga gavetta, ma soprattutto, dal grande cuore». La Chiesa crede nel progetto, come testimonia la presenza di mons. Andrea Bellandi, che celebrerà una messa in suffragio. Così il Sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli e l’Assessore alla Cultura Antonia Willburger. A Gaetano Stella, legato all’attrice da un lungo sodalizio artistico, è affidato il ricordo di Annabella con amici attori e personalità del mondo dello spettacolo vicini alla compagnia Tina Trapassi, con cui Schiavone iniziò a calcare le scene.

Intitolazione sala teatrale ad Annabella Schiavone

Intitolazione, a trent'anni dalla morte di Annabella Schiavone della sala teatrale della parrocchia di s. Eustachio

Pubblicato da Liratv su Lunedì 2 dicembre 2019

Related posts