Voi siete qui
Universiade 2019, la Torcia benedetta da papa Francesco Sport 

Universiade 2019, la Torcia benedetta da papa Francesco

La Torcia dell’Universiade Napoli 2019, simbolo di pace, unione e fratellanza, è stata benedetta in settimana in Piazza San Pietro dal Pontefice, alla presenza del Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e di tutto il team organizzativo dell’evento. È stata l’atleta Camille Chenaux a porgere al Papa la Torcia, giunta nella Città del Vaticano da Assisi nel suo percorso iniziato da Torino, sede della prima Universiade, e che, tappa dopo tappa, la porterà fino a Napoli la sera del 2 luglio. «È stata una grande emozione» – ha commentato il Commissario Straordinario di Napoli 2019, Basile al termine dell’udienza dal Papa. «Tra tutte le tappe del percorso della Torcia dell’Universiade Napoli 2019 – ha dichiarato invece il Presidente De Luca – quella da papa Francesco è stata la più carica e densa di significati. Pace, accoglienza, rispetto dei principi umani fondamentali, dialogo tra i popoli: sono questi i valori che vogliamo trasmettere attraverso questa grande manifestazione di sport e di conoscenza». La Torcia dopo aver lasciato Città del Vaticano, percorrendo il Ponte dell’Angelo, è arrivata in Via della Conciliazione al Centro Sportivo Italiano: un tragitto di 1,4 km con quattordici tedofori, sette campioni dello sport e sette studenti delle Università romane, che si sono alternati, correndo in coppia, nel trasporto della fiaccola. Nel pomeriggio ha raggiunto invece la sede del CONI al Foro Italico. «Siamo molto felici e orgogliosi che la fiaccola delle Universiadi sia arrivata qui – ha detto il Presidente Giovanni Malagò – ; sono contento per l’eccellente guida affidata al Commissario Basile”. Il numero uno del CONI ha poi sottolineato che con Napoli 2019 “lo sport italiano è al centro di questa importante vetrina”. Il Presidente della FISU, Oleg Matytsin, ha definito l’Universiade che si terrà dal 3 al 14 luglio in Campania una “grande opportunità”. «Le persone che verranno a Napoli – ha proseguito – scopriranno la grande ospitalità e il grande spirito italiano all’olimpismo». Sono convinto che sarà un successo con la possibilità di mandare un messaggio al mondo, quello di unità e fratellanza».

Related posts