Voi siete qui
Vento e neve, gli alberi caduti creano i maggiori disagi Cronaca 

Vento e neve, gli alberi caduti creano i maggiori disagi

Da Eboli a Salerno, da Battipaglia a Scafati, la provincia tutta alle prese con rami e fusti che hanno occupato strade e marciapiedi

Il fortissimo vento che dalla scorsa notta soffia sull’intero territorio regionale, associato ad un significativo abbassamento delle temperature, con nevicate sotto i 200 metri e gelate al di sopra di quella quota, ha creato disagi e problemi un po’ dappertutto.

A Battipaglia in piazza della Repubblica, un’enorme ippocastano è stato abbattuto dalle raffiche. L’affusto alto circa una decina di metri è crollato verso il centro della piazza, arrivando a lambire il monumento ai caduti. Fortunatamente a quell’ora la piazza era deserta. Altri danni, sempre a Battipaglia, si sono verificati nella villa comunale di Taverna delle Rose dove il crollo degli alberi ha distrutto parte della recinzione. Un fusto, peraltro, è caduto anche su di un mezzo posteggiato in zona, distruggendolo. In via Spineta i rami caduti sulla strada hanno provocato il blocco al transito.

A Eboli, in via Buozzi, si è verificato lo scoperchiamento e il conseguente crollo al suolo di una copertura del Palazzo Lanzetta.

All’uscita autostradale di Pontecagnano sud, un ramo è caduto sul guardrail, mentre sulla corsia sud dell’A2, tra San Mango e Pontecagnano nord, a cadere è stato un cartellone stradale.

Tragedia sfiorata, a Salerno, in via Ugo Foscolo dove un tabellone pubblicitario che si è schiantato su una Fiat Panda. Fortunatamente vuota.

Cartellone pubblicitario al neon in terra anche in via San Leonardo; mentre in via Antonio Parisi, a Torrione, un albero è stato sradicato dalla base in cemento ed un palo della pubblica illuminazione si è piegato danneggiando un auto in sosta.

In via Cacciatore un oleandro giace ora sul marciapiede.

Un albero finito sui binari tra Pompei e Scafati ha causato enormi disagi sulla linea ferroviaria Napoli – Battipaglia, sospesa poco prima delle 7, nonché sulla linea alta velocità Napoli – Salerno per un guasto agli impianti. I treni viaggiano con circa 90 minuti di ritardo.

Il freddo sferzante e la neve hanno poi fatto chiudere le scuole in alcuni Comuni della Provincia: a Buccino, cancelli chiusi all’istituto superiore Assteas, mentre il comprensivo ha aperto; chiusure invece per le scuole di Colliano, Caggiano e Teggiano.

Oltre a quelle dell’area del Sele e del Tanagro, scuole chiuse anche a Pellezzano che ,come tutta la zona collinare di Salerno, si è svegliata imbiancata.

Related posts